Una potente piattaforma ingegneristica unificata e condivisa per tutte le discipline di simulazione

Siemens presenta Simcenter 3D software

Siemens Digital Industries Software annuncia la disponibilità dell’ultima versione di Simcenter 3D software, parte del portafoglio Simcenter di soluzioni di simulazione e test. Simcenter 3D e il portafoglio Simcenter fanno parte di Xcelerator, il portafoglio integrato di software, servizi e piattaforma di sviluppo di applicazioni di Siemens. Nella release 2021, Simcenter 3D continua a migliorare la sua potente piattaforma ingegneristica unificata e condivisa per tutte le discipline di simulazione, per aiutare gli utenti a ottenere il pieno valore dei benefici che la simulazione fornisce in termini di costi, velocità e impatto sull’innovazione. Introducendo nuovi miglioramenti all’esperienza utente guidata dall’AI, nuovi tipi di simulazione così come perfezionamenti nell’accuratezza e una maggiore velocità delle prestazioni, Simcenter 3D 2021 può aiutare le aziende a capire le vere prestazioni dei loro progetti all’inizio del loro processo di sviluppo.

In molte applicazioni, l’innovazione di prodotto include l’ingegnerizzazione di materiali avanzati, ed è per questo che nuovi materiali vengono introdotti sul mercato a una velocità senza precedenti. Il cracking è una considerazione molto importante per i materiali avanzati, tuttavia il micro e meso cracking nei materiali avanzati è difficile da modellare con il metodo degli elementi finiti. Simcenter 3D ora include la separazione completa degli elementi di volume rappresentativi (RVE) e l’inserimento automatico 2D e 3D di crack o zone coesive nei materiali. I modelli macro e microstrutturali ora permettono la separazione completa delle maglie affinché una crepa si propaghi completamente attraverso un materiale.

“Simcenter Multimech ci permette di modellare le crepe microstrutturali e di determinare come influenzerebbero la parte complessiva, afferma Neraj Jain, capogruppo in simulazione e ingegneria al DLR Department of Ceramic Composites and Structures. Usando questo strumento, possiamo effettivamente vedere dove si sta sviluppando una crepa, come la crepa cambierà il nostro materiale, e come ne influenzerà la microstruttura finale”.

Qui ulteriori informazioni.