Fase 2, l’economia dell’Italia ripartirà in Green?

Dalle foto della Pianura Padana senza smog a quelle dei delfini che tornano in Laguna, tutti siamo stati affascinati dal ritorno di un ambiente più naturale. Ma non possiamo dimenticare che, dal 4 maggio, la nostra società dovrà riprendere a correre. Ma la ripartenza potrà essere in Green? È possibile pensare ad un nuovo modello […]

Dalle foto della Pianura Padana senza smog a quelle dei delfini che tornano in Laguna, tutti siamo stati affascinati dal ritorno di un ambiente più naturale. Ma non possiamo dimenticare che, dal 4 maggio, la nostra società dovrà riprendere a correre. Ma la ripartenza potrà essere in Green? È possibile pensare ad un nuovo modello economico che metta l’ambiente al centro, ma senza fermare lo sviluppo? Esisterà mai una produzione industriale che non inquini? E, soprattutto, norme e burocrazia saranno un volano o un freno?

Per rispondere a queste domande, BitMAT, insieme CAMERA FORENSE AMBIENTALE e REMTECH, organizza il forum ReStart in Green. Scopo del ciclo di webinar, in programma dal 27 al 30 di aprile, è quello di offrire ai professionisti, alle aziende ed alla classe dirigente, pubblica e privata, elementi di conoscenze trasversali indispensabili a comprendere ed anticipare gli scenari del futuro.

Il 90 minuti, ogni giorno, si alterneranno sui nostri schermi alcune delle figure di spicco del settore. A partire da Roberto Morassut – Sottosegretario Ministero dell’Ambiente sino al generale GIUSEPPE VADALA’ – Commissario Straordinario per la Bonifica delle Discariche Abusive, saranno ben 30 gli ospiti chiamati a raccontare la rivoluzione che si attende. Una rivoluzione che, per noi, è invece una sfida: continuare a crescere e produrre. E, nel contempo, preservare la salute delle città e del pianeta.

Prima e dopo la pandemia il problema che ci poniamo è sempre lo stesso: non è possibile che vi sia un rapporto di diretta proporzionalità tra la crescita economica e sociale e le emissioni e produzioni inquinanti. Queste ultime devono ulteriormente limitarsi fino ad azzerarsi anche in presenza di un progresso economico.

 

La sfida nella sfida

La sfida nella sfida diventa allora quella di approfittare delle necessità attuali per fare della green economy un veicolo di ripresa. Dalla tecnologia alle politiche incentivanti, dalla semplificazione amministrativa a nuove forme di governance efficiente. Dalla salute circolare a modalità lavorative sicure.

Se servono idee, proposte, buone pratiche, ReStart in Green è il luogo adatto per costruirle, condividerle e farle circolare.

La finalità di CFA e REMTECH è sollecitare un dialogo fattivo sugli argomenti di maggiore attualità ed interesse nel settore della green economy, offrire proposte strutturate di formazione ed aggiornamento tecnico-giuridico. Indicazioni utili a quanti intendano elaborare strategie competitive e vincenti e fornire una visibilità alle buone pratiche ed alle tecnologie sostenibili.

Ognuno dei 4 webinar, con inizio alle 14.30, vedrà un primo confronto con istituzioni e associazioni, coordinato da Cinzia Pasquale – Presidente di Camera Forense Ambientale e Silvia Paparella – Ceo di Remtech. Nella seconda parte, moderata da Massimiliano Cassinelli – direttore scientifico di BitMAT, saranno coinvolti gli imprenditori e i tecnici che già lavorano su soluzioni attente agli aspetti ambientali.

 

AGENDA:

27 APRILE 2020
DALLE ORE 14:30 ALLE ORE 16.00

DIALOGHI TRA ECONOMIA E TECNOLOGIA

I nuovi equilibri economici e sociali: un percorso inevitabile per una ripresa dell’economia.
La tecnologia come fattore non solo abilitante bensì critico di successo: la scommessa green per trascinare la ripresa e la ricostruzione.
Governo della complessità e dell’emergenza nell’impresa moderna.

Ne discutono
ROBERTO MORASSUT – Sottosegretario Ministero dell’Ambiente
STEFANO ZAMAGNI – Economista e Docente Economia Politica Università Di Bologna
GIANPIERO LOTITO – Tecnologo, Founder & CEO di FacilityLive e Presidente della European Tech Alliance (EUTA)
FRANCESCA ZARRI – Manager ENI

GBC ItaliaMarco Mari

ArpavLuca Marchesi

MaresEnrico Pompamea

ConvergenzeRosario Pingaro

 

28 APRILE 2020
DALLE ORE 14:30 ALLE ORE 15:30

DIALOGHI TRA DIRITTO E MODELLI DI GOVERNANCE

La semplificazione normativa e la legislazione di emergenza: per crescere e liberare risorse per lo sviluppo del Paese, per dare certezza ai diritti dei cittadini, per un’amministrazione che funzioni meglio e costi meno.
Il concetto e le prospettive derivanti dalla partecipazione alle nuove politiche di “better regulation” a livello europeo.
Un’enorme opportunità da cogliere: le Zone Economiche Speciali (ZES), il rapporto tra ZES e con il resto del Paese.
Dalla Green Economy alla Blue Economy: proiezione verso l’Economia Circolare.
Creare valore economico rispondendo ad una nuova domanda di benessere ambientale.

Ne discutono
FRANCESCA CANGELLI – Docente Diritto Amministrativo Università di Foggia
UGO PATRONI GRIFFI – Presidente Autorità Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale
ROBERTO MEZZALAMA – Responsabile sostenibilità Golder Associates

ACTARoberto Spera

Vr AmbienteRocco Veltro

ArchLivingGianluca Loffredo

OiceFrancesco Ventura

Ca’ Foscari Challenge SchoolAngelo Merlin

 

29 APRILE 2020
DALLE ORE 14:30 ALLE ORE 15:30

DIALOGHI TRA SALUTE E LAVORO

Il Coronavirus nell’organizzazione sociale: le misure adottate dal Governo, come far sì che un’organizzazione imposta non comprometta finalità preposte.
Organizzazione del lavoro e misure di tutela per i lavoratori all’epoca del Coronavirus.
I presidi medici nei distretti industriali.

Ne discutono
FABRIZIO PREGLIASCO – Virologo e Docente dell’Università Statale di Milano
PATRIZIA TULLINI – Docente di Diritto del Lavoro e Relazioni Industriali Università di Bologna
GIUSEPPE VADALA’ – Commissario Straordinario per la Bonifica delle Discariche Abusive

Ambiente spaMatteo Altemura

Consiglio Nazionale GeologiFrancesco Violo

Comune MarsicoveterePatrizia Bruno

SevalFrancesco Cornaggia

 

30 APRILE 2020
DALLE ORE 14:30 ALLE ORE 15:30

DIALOGHI PER LA RICOSTRUZIONE

La ricostruzione possibile: il necessario impegno green delle PP.AA. e delle imprese.
Cosa si intende per salute circolare: la salute è un sistema di vasi comunicanti che può essere migliorato grazie ad un’innovazione responsabile che miri a rigenerare l’equilibrio.
La “formazione collettiva”: cosa ci ha insegnato la Pandemia.

Ne discutono:
ALESSANDRO BRATTI – Direttore Generale ISPRA
GIUSEPPE IPPOLITO – Direttore Scientifico Ospedale Spallanzani
DOMENICO DE MASI – Sociologo e Professore Emerito di Sociologia del Lavoro Università “La Sapienza”

ConfindustriaMarco Ravazzolo

Next ChemIlaria Catastini

Comune AltamuraLuca Nicoletti

CRS LaghiFabio Maria Bonasegale

Iscrizioni e partecipazione gratuiti a questo link.