Schneider Electric al Festival dell’Acqua 2019

Digitalizzazione e sicurezza fondamentali per realizzare risparmi energetici e ridurre gli sprechi

L’edizione 2019 del Festival dell’Acqua, a Bressanone presso il Forum Brixen dal 13 al 15 maggio prossimo, vedrà la partecipazione di Schneider Electric. L’evento unisce iniziative rivolte al pubblico e momenti di confronto rivolti alle istituzioni, alle aziende utenti e a quelle che offrono soluzioni e tecnologie per il settore idrico.

Secondo Schneider Electric, il futuro dell’acqua – risorsa preziosa da gestire in modo efficiente e sostenibile – è legato a doppio filo al tema della digitalizzazione. Oggi più che mai, infatti, l’integrazione delle tecnologie digitali con le tecnologie operative applicate nelle reti di distribuzione e negli impianti di trattamento delle acque consente di realizzare importanti risparmi energetici, ridurre gli sprechi e aumentare la capacità di garantire sicurezza, salubrità e rispetto delle stringenti normative; il tutto unito a un risparmio di costi.

“Il servizio Idrico in Italia risente da tempo del peso degli anni, le infrastrutture sono vecchie e molto spesso non adeguate alle necessità del servizio richiesto; inoltre, i sistemi di acquisizione dei dati necessari al monitoraggio spesso si basano su stime, sull’esperienza degli operatori. Se i dati esistono, in molti casi non sono coerenti con la realtà” spiega Donato Pasquale, Responsabile del segmento WWW di Schneider Electric. “Con la direttiva ARERA di Regolazione in Qualità Tecnica però oggi è necessario rispondere alle richieste di indicatori specifici per il monitoraggio del livello di servizio: dovendosi adeguare a tale normativa, le utility idriche possono cogliere la grande opportunità offerta dalla digitalizzazione, che attraverso IoT e Analytics consente di conoscere, analizzare, manutenere, gestire le reti al meglio.”

L’azienda durante il Festival dell’Acqua presenterà due interventi dedicati al tema del Servizio Idrico 4.0 e al tema della cybersecurity.

Il Servizio Idrico 4.0

L’intervento sul tema del Servizio Idrico 4.0 si terrà il giorno 14 maggio (Sala Tirol, Ore 9.30 – 13.15) nl corso della sessione dedicata a Le Frontiere dell’Automazione e della Telematica in Campo Idrico. Donato Pasquale, Responsabile del Segmento WWW dell’azienda, tratterà della direttiva Regolazione in Qualità Tecnica, analizzando ciò che dispone per quanto riguarda la necessità di acquisire le informazioni dalle infrastrutture attraverso sistemi automatici, che possano colmare il GAP tecnologico e far crescere la conoscenza stessa delle infrastrutture migliorando la gestione e creando efficienza operativa.

Schneider Electric, attraverso la propria piattaforma EcoStruxure dedicata al mondo dell’Acqua si propone di aiutare, attraverso tecnologie già implementate con successo nel mondo dell’Industria, i Servizi Idrici ad attuare tale passaggio epocale: una trasformazione digitale che porta a un nuovo settore idrico “4.0” in cui utilizzando le tecnologie IOT e la convergenza tra Information Technology e Software ed Automazione si creano le condizioni per l’efficienza nella gestione.

Cybersecurity

L’introduzione di tecnologie digitali porta anche, come conseguenza, la necessità di riconsiderare la sicurezza delle infrastrutture idriche, anche in termini di sicurezza cyber. Si richiede un’evoluzione di competenze, oltre che tecnica, ed in questo è molto importante affidarsi al supporto di fornitori che sappiano unire la conoscenza del settore specifico a quella del digitale. Entrano inoltre in gioco anche nuove normative di cui tenere conto, come la direttiva europea NIS che prevede specifici adempimenti e processi legati alla cybersecurity delle infrastrutture critiche, come quelle idriche.

Per questo Schneider Electric il giorno 14 maggio (ore 15.30 – 17, sala Tirol) presenta un intervento di Umberto Cattaneo, Cybersecurity Expert dell’azienda, sul tema Cybersecurity nelle reti di Telecontrollo di servizi di pubblica utilità a garanzia di aziende e utenti.

L’intervento si aprirà con una panoramica sui principali tipi di attacchi cyber che possono riguardare le infrastrutture critiche e i sistemi OT (Operational Technology), per poi illustrare le normative che gli operatori di servizi essenziali devono implementare. L’intervento tratterà dei livelli di sicurezza definiti dagli standard, delle architetture di sistema e metodologia disponibili oggi per raggiungere tali livelli. Infine si presenterà l’approccio seguito da Schneider-electric per supportare le nascenti esigenze in ambito cybersecurity, raccomandando le soluzioni, i protocolli e le metodologie più attuali e in linea con le normative.