Focus sulla trasformazione industriale per HANNOVER MESSE

A partire dal 2020, i settori espositivi diventeranno in tutto sette e cresceranno ulteriormente in segmenti chiave, come energia e logistica

Per rafforzare ulteriormente la propria posizione di punta nell’era della digitalizzazione, HANNOVER MESSE ha annunciato una serie di trasformazioni a partire dal 2020.

Per quella data, la manifestazione che oggi richiama circa 6.000 espositori e oltre 200.000 visitatori ogni anno, si concentrerà ancora di più sulla trasformazione industriale. Portando i suoi settori espositivi a sette, getterà inoltre le basi per un’ulteriore crescita nei segmenti chiave dell’industria, dell’energia e della logistica divenendo riferimento per la creazione di un’industria interconnessa, automatizzata e di respiro globale.

Da qui un ulteriore potenziamento di immagine, che passerà dall’integrazione nel marchio globale HANNOVER MESSE di quelli che sono stati finora dei sottomarchi. L’obiettivo è rafforzare HANNOVER MESSE, perché continui a promuovere la trasformazione industriale e a crescere – sia sul fronte degli espositori sia sul fronte dei visitatori.

Così facendo, HANNOVER MESSE continuerà a essere così la vetrina della forza di innovazione dell’industria tedesca – anche nell’era della trasformazione digitale e industriale. Inoltre, la manifestazione integrerà i temi della fiera dell’intralogistica CeMAT nel proprio ambito – facendone, anche su richiesta del settore, non solo una propria area espositiva ma anche una propria colonna portante.

Sette settori espositivi
Come già preannunciato, dal punto di vista dei contenuti, in futuro la fiera leader mondiale dell’industria riunirà sette settori espositivi, corrispondenti agli ambiti chiave della sua offerta:

Future Lab (dal 2020 nei padiglioni 21 e 24) accoglierà ricerca e sviluppo, startup, tecnologie emergenti, cultura dell’innovazione e lavoro del futuro.

Automation, Motion & Drives (dal 2020 nei padiglioni da 2 a 13) proporrà numerosi temi, tra i quali: automazione di fabbrica, automazione di processo e automazione energetica, tecnica dell’azionamento e fluidotecnica, robotica, sensorica industriale, elaborazione delle immagini, trasmissione di potenza, trasformatori, alimentazione elettrica, automazione logistica e tecnologia per il magazzino.

Il settore Digital Ecosystems sarà posizionato nel cuore del quartiere fieristico (dal 2020 nei padiglioni da 14 a 17) e sarà interamente imperniato su interconnessione e applicazioni digitali per l’industria. Tratterà i temi software aziendale, PLM, MES, IT per la logistica, piattaforme digitali e soluzioni cloud, sicurezza dell’IT, realtà aumentata e virtuale, soluzioni per la gestione energetica, intelligenza artificiale e infrastrutture per il 5G.

L’area Energy Solutions sarà dedicata all’alimentazione di impianti industriali e di infrastrutture per la mobilità, soprattutto attraverso l’energia elettrica. Nel dettaglio il programma comprenderà produzione e trasmissione di energia, approvvigionamento di corrente, calore e freddo, e infrastrutture per veicoli elettrici (dal 2020 nei padiglioni 11, 12, 13, 27).

Il settore Logistics verrà organizzato ogni due anni ed esporrà tecnica per la movimentazione dei materiali e per il magazzino, attrezzature di magazzino e aziendali, carrelli trasportatori e accessori, sistemi di trasporto autonomi, packaging e servizi per la logistica (dal 2020 nei padiglioni 2, 3 e 4). Ogni anno, invece, in tutti i settori espositivi verranno proposti temi logistici – soprattutto i temi dell’automazione per la logistica e della logistica digitale, che amplieranno così il programma di HANNOVER MESSE con questa importante tematica.

Temi importanti per il futuro come costruzione leggera e produzione additiva, tecnologia per il trattamento delle superfici, componenti in materiali particolari, tecnologie di giunzione e servizi di engineering saranno proposti nel settore espositivo Engineered Parts (a partire dal 2020 nei padiglioni 19, 20, 22, 23).

Il settore biennale Compressed Air & Vacuum Technology proporrà innovativa tecnologia dell’aria compressa e del vuoto per tutti i processi industriali (dal 2020 nel padiglione 26).

Una particolare novità è da vedersi nel fatto che in futuro questi settori espositivi avranno un ruolo determinante soprattutto nella collocazione degli espositori e nella creazione di una Community. Con il marchio globale HANNOVER MESSE i visitatori verranno però interpellati in modo molto più differenziato di quanto si è fatto finora. Questo offrirà loro possibilità di informazione di gran lunga migliori e più mirate.