L’attenzione è focalizzata sull’integrazione tra software di progettazione end-to-end, tecnologie di prodotto standardizzate e centri di lavoro automatizzati per il miglioramento della produttività.

Marco Villa

Oggi lo sviluppo della quadristica è rivolto essenzialmente all’ottimizzazione e all’integrazione della progettazione e dell’ingegnerizzazione dei processi produttivi, sfruttando anche le possibilità date dalla realtà virtuale. Una base importante per realizzare la cosiddetta quarta rivoluzione industriale, ovvero l’ “Industry 4.0”, è costituita oltre che da una forte spinta alla standardizzazione, anche dalla disponibilità di funzioni di gestione e storage di dati, di strumenti software mutuamente compatibili, di processi dedicati per tutte le fasi dell’engineering, di nuove macchine con processi e tecnologie di automazione all’avanguardia.
Quale occasione migliore della fiera SPS IPC Drives, da anni punto di riferimento per tutti gli attori del settore automazione industriale, per Rittal di riaffermare la sua posizione di leader tecnologico anche in ambito climatizzazione.
All’interno dello stand sarà possibile toccare con mano molte novità di prodotto e condividere la visione che Rittal ha del concetto Industry 4.0. Partendo dall’attitudine innovativa dell’azienda, a SPS verrà presentata in anteprima nazionale la nuova gamma di condizionatori “Blue e+” che rappresenta un salto epocale in termini di: risparmio economico, flessibilità, sicurezza e maneggevolezza. Inoltre all’interno dello stand sarà possibile, attraverso un desk operativo, “toccare con mano” le ultime evoluzioni dei software Rittal, a prova della crescente richiesta di integrazione tra tecnologia e processo.

Un armadio da 10 milioni
Per ultimo, ma non in termini di importanza, sarà esposta la piattaforma di armadi TS 8 che con oltre 10 milioni di armadi prodotti, si è evoluto e si attesta in tutto il mondo come l’armadio per quadri di comando standardizzato di maggior successo. Queste sono solo alcune delle novità esposte in fiera, che bastano però per comprendere come la competenza messa in gioco dall’azienda consenta ai suoi clienti di ottenere vantaggi considerevoli che gli permettano di crescere e affermarsi all’interno del mercato.
Allo stand verrà anche messo in risalto come all’interno del Friedhelm Loh Group le società Eplan, Cideon, Rittal e Kiesling hanno ottimizzato la catena del valore secondo gli standard di Industry 4.0, attraverso lo sviluppo di tool di progettazione, interfacce intuitive, modelli di progetto, prodotti e tecnologie per l’alloggiamento e la realizzazione dei quadri elettrici e di comando. Di fatto, lo sviluppo di soluzioni software create da Eplan e Cideon permette ai sistemi gestionali dei clienti di dialogare in modo fluido e consente di gestire in modo efficiente tutte le fasi produttive, dalla progettazione fino all’approvvigionamento. Rittal invece offre articoli perfettamente codificati in tali software e provvisti di tutti i dati tecnici digitali utili a rendere efficace il loro impiego nelle linee di produzione. Per concludere, i centri di lavoro Kiesling agevolano considerevolmente la lavorazione meccanica ed elettrica dei sistemi.
Tali proposte portano ad una massima ottimizzazione del flusso produttivo riducendo al minimo rischi derivanti da problemi tecnici. A Parma dal 12 al 14 maggio Rittal avrà il piacere di mostrarvi dal vivo, al suo stand nel Padiglione 2, come questi sistemi lavorano in sinergia e danno vita ai prodotti che hanno reso questo marchio famoso in tutto il mondo.