Alla scoperta di uno strumento fondamentale per l’industria: le macchine profilatrici!

Trovarsi in un supermercato e passeggiare tra centinaia di articoli di ogni tipologia, forma e colore, alla ricerca del prodotto messo in lista e, se possibile, della miglior offerta disponibile. Tendere sovrappensiero l’orecchio al particolare rumore generato dall’acqua che corre lungo una grondaia durante un temporale estivo. Svegliarsi nel cuore della notte per un bicchiere d’acqua e andare a tentoni con la mano lungo la parete, sperando di imbattersi nell’interruttore che dovrebbe essere proprio lì da qualche parte. O ancora vedere, finalmente, lungo la strada di ritorno a casa dopo un’estenuante giornata di lavoro, il macinino che aveva creato una coda di una dozzina di auto svoltare a destra, e accelerare di gusto recuperando la consona velocità di crociera.

In queste situazioni se non quotidiane comunque assai frequenti, apparentemente così diverse tra loro, è possibile riscontrare una matrice imprenditoriale comune: elemento infatti prezioso tanto nella grande distribuzione organizzata quanto nell’edilizia, tanto nella distribuzione dell’energia elettrica quanto nell’ampio mondo delle autovetture, è il profilato metallico. Ma di cosa si tratta, e come viene prodotto?

Con profilato metallico si intende un corpo solido realizzato in differenti materiali, come ferro, acciaio, ottone o alluminio, ottenuto per opportuni processi di laminazione, trafilatura o estrusione. Come vedremo a breve questo particolare prodotto, così capillarmente diffuso in innumerevoli contesti in cui ogni giorno veniamo a trovarci, è frutto di minuziose operazioni tecnologiche, di impianti di profilatura ad alta precisione e di maestranze specializzate.

Le domande cui andremo a rispondere sono quindi: come vengono realizzati i profilati, e come scegliere produttori affidabili?

Ambiti di utilizzo delle macchine profilatrici

I profilati metallici vengono prodotti da macchine profilatrici, dette anche profilatrici per lamiera. Si tratta di dispositivi estremamente complessi, costituiti da una serie di rulli caratterizzati da una superficie che può essere sagomata in vario modo: proprio passando tra le superfici dei rulli , la lamiera assume la forma desiderata e diventa quindi un profilo metallico adatto ad una particolare funzione.

La progettazione e lo sviluppo di macchine profilatrici sono processi molto delicati e complessi, e non sono molte le aziende che sono riuscite a distinguersi in un settore tanto avanzato, in cui i reparti di Ricerca e Sviluppo e Tecnico-operativo sono in costante, sinergico dialogo. Tra queste, spicca senza dubbio la realtà veneziana di Gasparini S.p.A., impegnata in un irresistibile percorso di espansione di mercato e perfezionamento dell’offerta da quasi settant’anni, dal 1952.

I settori d’impiego degli impianti di profilatura sono, come abbiamo intravisto all’inizio di questo approfondimento, molteplici e diversificati. La tecnologia di Gasparini, adottata da oltre 1.500 industrie distribuite in 35 Paesi di tutti e 5 i continenti, offre il proprio valore aggiunto in 4 macroaree produttive:

  • Logistica

Le profilatrici per lamiera sono indispensabili in contesti quali la realizzazione di scaffalature e soppalchi industriali, progettati per lo stoccaggio di merci e materiali, identificabili in tipologie pesanti, medie e leggere. Fanno riferimento all’ambito della Logistica, uno dei comparti economici in più rapida ascesa nel terzo millennio, anche scaffalature di supermercati, armadi metallici, celle frigorifere, fino ad arrivare ai silos. Prodotti che richiedono soluzioni tailor-made per le diverse realtà imprenditoriali con specifiche esigenze.

  • Costruzioni

Il comparto dell’edilizia e delle costruzioni è un altro segmento economico chiave per l’utilizzo di impianti di profilatura, grazie ai quali si realizzano con la lamiera: coperture e pareti di edifici, profili strutturali, ponteggi per l’edilizia, serramenti e porte, in controsoffitti, fumisteria e, anche, elementi tipici della lattoneria, quali tubi pluviali e grondaie.

  • Energia

Altro settore di enorme rilievo che necessita del quotidiano impiego di macchine profilatrici è poi quello dell’energia, dove trovano applicazione per la produzione di profili per l’illuminazione, per la distribuzione elettrica, dove altrettanto fondamentali risultano essere elementi quali canaline, scalette portacavi, profili per armadi elettrici, guide DIN in acciaio e molti altri elementi ancora.

  • Automotive

Rientra negli ambiti produttivi caratterizzati da maggior utilizzo di profilati metallici anche quello dell’Automotive. In riferimento a questo settore, gli impianti di profilatura offrono il loro prezioso contributo in relazione a componenti quali i longheroni per i veicoli industriali, le sponde, i paraurti, le sbarre antintrusione, i tubi per marmitte, i rinforzi e gli elementi strutturali dei telai dei veicoli.

Un’ampia gamma di oggetti, insomma, che costituisce il core business di moltissime realità imprenditoriali ma che spesso risulta familiare per fruizione anche al consumatore finale. All’interno di questo complesso insieme di componenti, strumenti ed elementi metallici esiste però un indiscutibile comun denominatore: l’affidabilità che solo aziende affermate da decenni nel settore, operanti su scala internazionale in contesti differenti, sanno garantire.