Le soluzioni dell’azienda aiutano a ridurre le tempistiche di produzione, diminuendo il numero di prototipi da dover realizzare

HBK produzione auto

Offrire un insieme organico di soluzioni per prove e misure che copre tutto il ciclo di vita dei prodotti, unendo il mondo fisico dei sensori e dei test con il mondo digitale della simulazione, del software di modellazione e di analisi dei dati. E’ questo l’obiettivo di HBK Italia, filiale italiana di HBK (gruppo spektris) nata il 1° luglio 2020 dall’unione di HBM e B&K, storiche aziende attive rispettivamnte in sensori, trasduttori, estensimetri, amplificatori, sistemi di acquisizione dei dati e nei software di analisi, apparecchiature per misurare vibrazioni e rumore, sistemi di test e taratura.

L’unione delle due aziende, entrambe attive sul mercato da 75 anni, nasce come conseguenza dalla naturale integrazione delle loro soluzioni, capaci di portare ad incrementali benefici per i clienti. Clienti che a livelllo mondo superano i 35 mila, di cui 1000 in Italia, per un fatturato di 14 milioni di euro nel BelPaese.

“Aiutiamo le imprese a ridurre le tempistiche di produzione delle loro macchine, il tutto in modo più efficente e più green” – ha spiegato Joe Vorih, presidente di HBK sottolieneando come, fino a poco tempo fa, la messa in strada di una nuova automobile, dal disegno alla pista, era di circa 5 anni. Ora, invece, grazie alle soluzioni HBK il tempo si è ridotto a 2 anni e mezzo. Molto significativo in questa direzione è il caso dell’Alfa Romeo Giulia, realizzata in soltanto in 27 mesi.

Un altro interessante caso pratico di come le tecnologie di HBK Italia possono supportate ad esempio il mondo del building, riguarda la misurazione degli stati tensionali e vibrazionali agenti su un particolare ponte, in modo da poter permettere di capire la sua resistenza statica e fatica e quindi conoscere la vita del ponte stesso. Non solo: tali tecnologie possono essere anche applicate in diversi settori e ambiti, come ad esempio la costruzione di un elicottero o di una nave. Fortemente in crescita sono anche le richieste per la mobilità green che necessitano di soluzioni per misurare la potenza elettrica, di rumore e di vibrazione su sistemi di trasmissione elettrica ed inverter complessi.

Grazie anche ad una presenza capillare nelle aree produttive più importanti italiane, con la sede principale di HBK Italia a Milano e centri di supporto a Torino, Udine, Bologna, Roma e Bari, cerchiamo di supportare e soddisfare al massimo le esigenze dei nostri clienti” ha spiegato Gianluca Marengo, sales manager di HBK Italia.

Tra le iniziative volte appunto ad incrementare la customer satisfaction vi è la realizzazione della Product Physic Conference che si svolgerà online dal 13 al 15 ottobre: i più grandi esperti mondiali propongono alla comunità del Test & Measurement soluzioni su come affrontare e vincere le sfide che il mondo pone loro nella misurazione delle grandezze fisiche.