Bludis distribuisce CloudGate, la soluzione IOT smart

Il VAD amplia ancora una volta la propria offerta e si inserisce nel mercato dell’’IoT e dell’ M2M con le soluzioni innovative di Option

Bludis, distributore a valore aggiunto presente da oltre 20 anni nel mercato italiano dell’Information and Communication Technology, distribuirà su tutto il territorio italiano CloudGate, la soluzione IOT di Option, azienda leader nel settore M2M (Machine to Machine) e IOT (Internet of Things).

Con questo accordo, Bludis amplia notevolmente la propria offerta per fornire al mercato soluzioni innovative e con ampio spettro di utilizzo: utility, smart city, power grid, home/building automation, road infrastructure, gestione e monitoraggio flotte, gestione di infrastrutture industriali…

Ci muoviamo in un contesto in cui l’Internet delle cose è diventato una realtà, creando importanti opportunità di Business: aziende di ogni genere e con diverse problematiche stanno iniziando a richiedere questo tipo di soluzioni che però, in Italia, sono ancora poco diffuse.” ha spiegato Maurizio Erbani, direttore vendite e operations di Bludis. “La nostra scelta di ampliare l’offerta con questo nuovo tipo di soluzioni è dettata, come sempre nelle nostre attività, dalla volontà di rispondere alle esigenze del mercato in maniera puntuale, ma anche proattiva, anticipando soluzioni innovative alle richieste dei nostri clienti. Per questo la scelta di introdurre nel mercato CloudGate di Option: è una piattaforma particolarmente sofisticata, ma allo stesso tempo è facile da implementare e flessibile, grazie all’ottima combinazione di wireless communication, hardware, software di gestione, tool di programmazione e provisioning sul cloud”. CloudGate è un dispositivo molto compatto in grado di mettere insieme ed interpretare – reagendo – i dati provenienti dalla quasi totalità degli “oggetti” e dei sensori wireless e non-wireless in commercio. Il fatto che il CloudGate abbia una sua intelligenza a bordo è un elemento di estrema importanza. L’interpretazione dei dati potrà infatti avvenire all’interno del CloudGate, e non esternamente, evitando così di consumare traffico (soprattutto nel caso di link 2/3/4G).