Le novità della nuova “Legge Sabatini”

Una circolare del Ministero, in vigore dal 1° gennaio, modifica le modalità per accedere alle agevolazioni legate agli investimenti in beni strumentali

Oltre il 70% dei 2,5 miliardi di euro stanzianti per la nuova “Legge Sabatini” sono stati assegnati. Ma la norma, che mette a disposizione delle aziende una serie di finanziamenti a tasso agevolato per investimenti in macchinari, impianti, beni strumentali di impresa e attrezzature da destinare al processo produttivo, “nonché investimenti in hardware, in software e in tecnologie digitali”, offre ancora numerose opportunità alle aziende che vogliono innovare.
A differenza di quanto accaduto sino al 31 dicembre, però, dall’inizio del 2015 sono in vigore le novità introdotte dalla Circolare del 24 dicembre 2014 – Adeguamento ai regolamenti di esenzione (UE) n. 651/2014 e n. 702/2014.
Proprio per rispettare le nuove indicazione dell’Unione Europea, il Ministero dello Sviluppo Economico ha emanato una serie di integrazioni e specificazioni.

Cambiano i moduli
In particolare, sono stati modificati i moduli da compilare. Occorre inoltre sottolineare la modifica al punto 7.4, in cui si ricorda che “Le richieste di erogazione devono essere compilate esclusivamente in formato digitale”. Inoltre “l’impresa beneficiaria, dopo la ricezione del decreto di concessione, deve compilare la richiesta di erogazione della prima quota di contributo e i relativi allegati, in formato digitale, e deve inoltrarli al Ministero esclusivamente attraverso l’accesso alla piattaforma, inserendo le credenziali che vengono trasmesse via PEC dal Ministero all’indirizzo PEC dell’impresa. Contestualmente, dal Ministero è trasmessa, all’indirizzo e-mail del “referente da contattare per eventuali comunicazioni” indicato nel modulo di domanda, una comunicazione informativa circa l’avvenuto invio delle suddette credenziali. L’URL (indirizzo internet) a cui collegarsi per effettuare l’accesso alla piattaforma è il seguente: https://benistrumentali.incentivialleimprese.gov.it/Imprese. La procedura operativa per effettuare la richiesta è descritta nella “Guida alla trasmissione della richiesta di erogazione della prima quota di contributo”, disponibile nella sezione “Beni Strumentali (Nuova Sabatini)” del sito internet www.mise.gov.it. Con riferimento alle richieste di erogazione delle quote di contributo successive alla prima saranno rese disponibili, nella predetta sezione dedicata del sito internet del Ministero, le modalità di inserimento in piattaforma della documentazione necessaria”.
Da sottolineare, infine, il fatto che al punto 7.6 della circolare n. 4567/2014 dopo le parole “da un revisore legale iscritto al relativo registro” sono aggiunte le seguenti “o da un professionista iscritto all’albo dell’ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili”.