Cos’è l’Oee?

L’Overall Equipment Effectiveness è uno dei principali e più efficaci indicatori per misurare l’efficienza globale degli impianti

Gli indicatori OEE (Overall Equipment Effectiveness) sono riconosciuti come i principali e più efficaci indicatori per misurare l’efficienza globale degli impianti. Il principio dell’OEE è di consentire di massimizzare la produzione vendibile aumentando la produttività in tre aree: disponibilità, prestazione e qualità.
Grazie all’acquisizione dei dati di produzione in tempo reale ed alla relativa analisi OEE, i responsabili del business delle aziende manifatturiere possono meglio comprendere le prestazioni di un’area di produzione e identificare cosa stia limitandone l’efficienza, offrendo una visione legata agli aspetti produttivi e funzionali, ai tassi di produzione ed alla qualità in una metrica comune, fornendo una misurazione univoca delle prestazioni. La misurazione OEE prende in considerazione tre fattori :
1. Disponibilità – La percentuale dell’effettivo tempo di attività rispetto a quello potenziale
2. Prestazione – La percentuale di parti prodotte rispetto a quanto programmato
3. Qualità – La percentuale di parti non difettose rispetto al totale delle parti prodotte

OEE = Disponibilità * Prestazione * Qualità

Questi indici sono applicabili mediante appositi filtri a Periodi di tempo, Linee, Macchine, Turni, Lotti, Operatori.

S tratta di informazioni essenziali per permettere ai responsabili di stabilimento di migliorare gli asset produttivi, l’efficienza dei macchinari, l’ottimizzazione dei tempi e la riduzione degli sprechi.
Un valore troppo basso di OEE porta inevitabilmente le aziende ad incrementare il costo di produzione unitario, riducendo quindi i profitti e le opportunità. Se ad esempio consideriamo una linea di produzione che funziona 24 ore al giorno, ogni ora di fermo di produzione comporta all’azienda oltre il 4% di mancata produttività giornaliera.
Analizzando i dati di produzione ed individuando i punti deboli e le cause principali di fermo, l’azienda potrà impostare le opportune azioni per ridurre le perdite. Ad esempio, recuperando anche solamente il 2% di perdite, la produzione settimanale recupererebbe 3,5 ore di produttività, che significherebbero 168 ore di maggiore produttività annua. A fronte di ciò, il recupero di un semplice 2% si tradurrebbe in un significativo incremento dei profitti.
Oggi,  su un valore teorico di OEE 100%, le aziende più efficienti e con maggiore produttività raggiungono generalmente un valore di OEE pari al 80-85%. Senza alcuna azione di controllo, molte aziende operano su livelli di OEE con valori di media intorno al 60%. E’ necessario considerare quindi le grandi opportunità offerte dagli indicatori OEE per la riduzione delle perdite e per il conseguente l’incremento dei profitti.

Nasce Pro.Lean
Per questo Progea ha messo a punto Pro.Lean, la soluzione più semplice ed economica per gestire il flusso di informazioni che provengono dalle linee produttive, aggregarle e disporne in modo chiaro e semplice per i manager che gestiscono l’azienda, colmando il gap che esiste troppo spesso tra la produzione in campo e la gestione e la pianificazione aziendale.
Basato sulla collaudata tecnologia di Connettività Industriale e Data Collection da anni proposta da Progea con Movicon, il modulo Pro.Lean consente di gestire in modo automatico e guidato la componente “Historian” di raccolta e registrazione dati, la componente “Dashboard” (cruscotto) per la visualizzazione in tempo reale degli indicatori chiave (KPI, OEE) ed i Report per l’analisi dei dati raccolti ed archiviati per data, turno, operatore, macchina, prodotto, lotto… Grazie alla soluzione Pro.Lean, ogni azienda manifatturiera potrà conoscere le reali capacità produttive dei propri sistemi, linee e macchinari, individuando facilmente le criticità e le imperfezioni, potendo disporre delle informazioni necessarie al miglioramento dell’efficienza globale. Gli impianti produttivi aumentano quindi il proprio valore ed il miglioramento della produttività incrementa il profitto e riduce i tempi di recupero degli investimenti, aumentando al tempo stesso la competitività dell’intera azienda.
Soprattutto al giorno d’oggi, a causa degli effetti della globalizzazione, le aziende manifatturiere non possono permettersi di perdere efficienza e competitività rispetto alla concorrenza. E’ pertanto strategico ridurre i costi di produzione migliorando l’utilizzo e la flessibilità dei macchinari e delle linee produttive, garantendo una migliore qualità. Pro.Lean offre a costi contenuti tutti gli strumenti per raccogliere le informazioni real-time dai flussi produttivi ed analizzare i coefficienti di efficienza mediante tabelle e grafici in una architettura integrata ed aperta, attraverso soluzioni di accesso web, consentendo inoltre la connessione diretta agli strumenti IT dell’azienda (ERP, SAP).