SPS 2014: il cuore pulsante dell’automazione

Sps si conferma essere la vetrina d’eccellenza per l’automazione italiana. Un’edizione all’insegna della tradizione ma che ha visto tante importanti novità. L’appuntamento è ora per il 2015

Cala il sipario su SPS IPC Drives Italia, la tre giorni dedicata al mondo dell’Automazione, svoltasi dal 20 al 22 maggio a Parma. Successo è la parola che è maggiormente circolata tra i tre padiglioni messi a disposizione per una manifestazione in grado di ripercorrere i passi della sorella maggiore, da oltre 20 anni presente in Germania ed Europa.

Giunta, infatti, alla sua quarta edizione italiana, SPS supera le aspettative, sia in termini di affluenza che di espositori: con una crescita del 17%, il numero di visitatori ha raggiunto la cifra record di circa 21 mila e 200 partecipanti, mentre gli stand presenti sono risultati 584, in aumento del 13% rispetto allo scorso anno. Anche l’intera area espositiva ha evidenziato un incremento nei volumi: +20%, per un totale di 48 mila metri quadrati al servizio dell’automazione. Numeri senza alcun dubbio molto positivi che vanno a braccetto con il periodo vissuto dal settore. Nel 2013 il fatturato delle imprese fornitrici di componenti e sistemi per l’automazione industriale si è infatti attestato a circa 3,7 miliardi di euro, con una crescita del 4% rispetto al 2012. Ottime anche le prospettive per l’anno in corso: ANIE Automazioni stima un aumento del giro d’affari di circa il 7%.

In questi tre giorni abbiamo respirato un’aria carica di positività e di voglia di fare, in linea con la crescita dell’automazione attesa per il 2014 – conferma Donald Wich Amministratore Delegato di Messe Frankfurt Italia, società organizzatrice dell’evento. – Siamo, infatti, convinti che il rilancio del Made in Italy e il ritorno alla competitività, sia sul mercato nazionale che internazionale, passi proprio dall’automazione, il cui contributo risulterà sicuramente significativo”.

Un settore, quindi, che può ridare smalto al tessuto produttivo del nostro paese, che negli ultimi anni, a causa della crisi, ha subìto diversi contraccolpi, ma che ora può finalmente guardare al futuro con maggiore serenità. Ed è proprio in questo contesto che si inserisce SPS 2014, vero punto di contatto tra domanda e offerta. Grazie, infatti, ad un format rinnovato, la nuova edizione ha permesso di coinvolgere maggiormente i presenti e fornire interessanti spunti legati al tema dell’innovazione. Innovare per crescere è stato infatti il messaggio lanciato, che ha fatto da filo conduttore tra le diverse aree espositive, le Tavole Rotonde e gli Workshop organizzati, nonché fra le numerose dimostrazioni effettuate.  Il tutto contornato da alcune interessanti novità, come ad esempio la realizzazione di un’apposita app e la trasmissione di un telegiornale riguardante le principali news delle giornate in fiera, diffuse sia su internet che attraverso un grande schermo posizionato strategicamente all’interno dei padiglioni.

Tradizione, quindi, che si sposa con alcuni nuovi elementi: una formula di successo che non rappresenta per gli organizzatori un punto di arrivo, ma un solido fattore su cui porre le basi per l’anno venturo.

I risultati ottenuti, rappresentano per noi un nuovo stimolo per l’edizione 2015 alla quale cominceremo a lavorare da subito. – sottolinea Francesca Selva, Vice President Marketing & Events Messe Frankfurt Italia – L’obiettivo è infatti di rendere SPS IPC Drives Italia ancora più ricca di contenuti e di riconfermarla come la vetrina italiana della tecnologia”.

L’appuntamento è pertanto sempre a Parma, dal 12 al 14 maggio 2015.

[nggallery id=79]