Business intelligence Qlik Sense per la supply chain di Rossimoda

1165

Con il supporto di ITReview, la piattaforma industriale di LVMH è intervenuta negli ambiti aziendali Industial controller, Utenti sviluppo prodotto e Ufficio acquisti

Decisa a ottimizzare la tecnologia anche negli ambiti aziendali Industial controller, Utenti sviluppo prodotto e Ufficio acquisti, introducendo un tool di Business Intelligence, alla fine del 2016, Rossimoda ha scelto di adeguare l’innovazione tecnologica in tutta l’organizzazione.

Nella realtà unica, che dalla sede di Vigonza (PD), rappresenta la piattaforma industriale di LVMH per lo sviluppo e la realizzazione di calzature da donna di alcune tra le più prestigiose Maisons del Gruppo, non erano, infatti, presenti datawarehouse e l’accesso ai dati era possibile esclusivamente con excel tramite query e tabelle pivot.

Nel contempo, come sottolineato in una nota ufficiale da Daniele Stella, It Manager di Rossimoda (nella foto): «Si stava valutando l’idea di cambiare sistema ERP, per cui l’esigenza era quella di accedere ai dati più velocemente e in maniera più strutturata, costruendo report e analisi che sarebbero dovute restare attive anche dopo il cambio di sistema. La volontà era inoltre quella di non creare un datawarehouse tradizionale, in quanto necessitavamo di una soluzione in breve tempo, e perché avremmo dovuto successivamente adattarlo al nuovo ERP».

La scelta del partner è ricaduta su ITReview, data science center e Qlik Select Solution Provider di Padova con referenze e riconoscimenti nazionali e internazionali.
Grazie alla tecnologia in-memory di Qlik, la società ha costruito rapidamente un modello incrementale di dati normalizzati aiutando il cliente anche a identificare i KPI per saperli interpretare, per una Business Intelligence di facile e intuitiva gestione.

Un progetto on going
A breve l’azienda adotterà un nuovo ERP ma, a causa del parallelismo delle stagioni produttive, sussisterà per alcuni mesi una coesistenza con il sistema gestionale attuale.
La migrazione avverrà gradualmente in circa 6 mesi, durante i quali i dati provenienti da due sistemi convergeranno negli stessi report e nelle stesse analisi realizzate ad inizio progetto.

I principali vantaggi sono avvertiti da industrial controller, primo utente della BI, utenti dello sviluppo prodotto, ufficio acquisti e logistica, che possono prendere decisioni sulla base di informazioni strutturate.
Molto soddisfatto anche il settore del controllo di gestione, in particolar modo del monitoraggio degli indicatori di produzione e dell’analisi periodica dei costi.