Tecnologia smart city HPE per la sicurezza dei cittadini indiani

1117

HPE ha creato per BSCDCL un centro di comando unico e integrato sul cloud per il monitoraggio e l’amministrazione di servizi pubblici

Intenta a “creare un futuro migliore”, anche quest’anno Hewlett Packard Enterprise ha partecipato al Mobile World Congress di Barcellona in occasione del quale ha annunciato una serie iniziative.

L’ultima, in ordine di tempo, riguarda il progetto Smart City di BSCDCL, che ha scelto HPE per creare il primo centro di comando e controllo integrato basato su cloud mai realizzato in India.

Grazie a HPE è stato possibile supportare, attraverso un cloud centrale, il monitoraggio e l’amministrazione di svariati servizi pubblici e di utility in diverse città indiane, quali Bhopal, Gwalior, Jabalpur, Indore, Ujjain, Satna e Sagar. Il progetto consente, inoltre, l’osservazione dei centri urbani su base nazionale da una postazione di comando centrale.

Obiettivo: aumentare la sicurezza e la protezione dei cittadini migliorando, al contempo, i servizi pubblici forniti grazie alla possibilità di ottenere maggiore valore dai volumi di dati generati da milioni di dispositivi connessi.

Non un caso isolato ma un esempio pratico particolarmente ben visto da una nazione – l’India – che si sta muovendo per creare, entro il 2022, 100 smart city per migliorare la vita dei propri cittadini.