La forza che guida l’innovazione

IoT e Intelligenza Artificiale: nuove opportunità e modelli di business innovativi presentati dai protagonisti dell’Industry 4.0 a Roma

L’Internet of Things costituisce il più grande progetto di integrazione nella storia globale, che richiede una piattaforma real-time, event-driven, di livello enterprise e in grado di generare streaming analytics per qualsiasi use case digitale. Sfruttare al meglio l’IoT significa abbracciare nuove opportunità di business, innovarsi per differenziarsi ed essere competitivi, ma soprattutto avere la possibilità e le capacità di porre i propri consumatori al centro delle proprie strategie e del proprio business, essere perfettamente in linea con le loro esigenze e persino anticipare i loro desideri. È proprio questo l’approccio che accomuna i più grandi progetti IoT, presentati nel corso dell’Evento Internazionale di Software AG.

Nuove opportunità di Business

Ad aprire l’evento, la presentazione di Wolfram Jost, CTO di Software AG, che ha illustrato la piattaforma IoT di Software AG e i contenuti dell’accordo di co-innovazione siglato con Bosch a fine 2016: ”L’IoT è la forza che guida l’innovazione e che genera nuove opportunità e modelli di business innovativi. La nostra strategia è costruire passo dopo passo un framework IoT intelligente e innovativo insieme ai nostri clienti, collaborando costantemente a stretto contatto, mettendo a loro disposizione il nostro team di R&D, con l’obiettivo comune di raggiungere il più rapidamente possibile gli obiettivi di business, in modo affidabile, efficiente ed efficace”.

Karl-Heinz Streibich, CEO di Software AG ha sottolineato che “Sviluppare una strategia IoT significa pianificare verso l’ignoto, ponendosi in antitesi talvolta rispetto a quanto fino ad oggi conosciuto per rivolgersi a un’innovazione di mentalità e di sistema rivoluzionaria. Stiamo assistendo al più grande progetto d’integrazione mai visto prima, in grado di fornire la struttura necessaria all’elaborazione intelligente dei big data. Questi, a loro volta, costituiscono il carburante per il machine learning e l’intelligenza artificiale, ovvero le basi della nuova generazione di applicazioni dell’Internet of Things”.

Secondo le maggiori società di ricerca, entro il 2020 si arriverà a oltre 25 miliardi di apparati IoT, con una crescita stimata tra i 10 e i 100 miliardi. Stando alle analisi, secondo la World Telecommunication Standardization Assembly del 2016, saranno 1,7 Mb/sec. i dati trasmessi da ogni persona al giorno.

Numeri interessanti, il cui incremento raggiungerà un picco nei prossimi cinque anni con un’adozione di massa dell’IoT: le stime vanno dai 20 ai 40 miliardi di nuovi sensori online e una crescita impressionante del volume di dati generati.