SICK e SEW-EURODRIVE, insieme verso la Smart Factory

Le due aziende hanno organizzato lo scorso settembre una giornata di studio durante la quale mondo accademico e industria si sono confrontati sul nuovo ruolo dell’intralogistica, elemento chiave dell’ Industry 4.0

Il produttore di sensori e soluzioni per l’automazione industriale SICK, insieme a SEW-EURODRIVE, specialista nel campo della tecnica degli azionamenti, hanno approfondito attraverso una giornata di studio i trend di evoluzione dell’intralogistica, segmento della logistica di fabbrica che più di ogni altro sta evolvendosi per rispondere alle richieste del mercato. Nel corso dell’incontro, il mondo accademico si è confrontato con il mondo delle aziende per discutere delle soluzioni “smart” utili a incrementare produttività, flessibilità ed efficienza della logistica del futuro.

La giornata di studi ha confermato la posizione di SICK e SEW-EURODRIVE come imprese guida in questo processo di cambiamento, sia per la loro offerta di soluzioni e servizi per l’intralogistica che per l’impegno dimostrato nel condividere informazioni e orientamenti volti a coinvolgere, se non guidare, il mercato. Inoltre, l’entusiasmo e i riscontri positivi dei partecipanti hanno evidenziato un interesse sempre maggiore verso la Smart Factory, la robotica collaborativa e l’integrazione tra sistemi ERP e ambiente produttivo, temi che verranno affrontati nella seconda edizione dell’evento, fissata per il 22 settembre 2016.

La centralità dei sensori intelligenti

Il contesto industriale attuale è contraddistinto da due sfide: clienti e partner aspirano ad una massima automazione flessibile per la produzione di piccoli lotti personalizzati, anche con l’obiettivo di abbattere le scorte a magazzino, che vanno ad intaccare la flessibilità e a incrementare i costi.

Contemporaneamente sono richieste maggiori trasparenza e controllo, esigenza in apparente contraddizione con lo snellimento della supply chain e con una maggiore produttività.

La soluzione a queste due richieste tradizionalmente divergenti è rappresentata dall’uso di sensori intelligenti capaci di riconoscere oggetti o stati, ma anche di comunicare tra loro in modo autonomo, nell’ottica di fornire dati precisi, in tempo reale e senza margini di errore. Per riuscire ad ottimizzare la produzione, oltre al processo logistico, è indispensabile avere accesso in qualsiasi momento a informazioni fondamentali, come, ad esempio, l’esatta posizione dei singoli componenti all’interno della catena produttiva. La mission di SICK è proprio quella di soddisfare molteplici esigenze attraverso un’offerta di sensoristica avanzata e interconnessa: tecnologie laser, microcamere, fotocellule, sistemi RFID capaci di lavorare in rete, di comunicare tra loro e riportare risultati in modo continuo e su un’unica piattaforma, spesso integrandosi in sistemi già esistenti.

L’ampia gamma di soluzioni offerte da SICK consente agli operatori della logistica di ridurre gli errori, velocizzare i processi, massimizzare l’efficienza ad ogni livello della filiera e garantire la flessibilità di produzione imposta da Industry 4.0.