Sirti vigila sulla circolazione di RFI

1726

La società si è aggiudicata due commesse bandite da Rete Ferroviaria Italiana per un valore complessivo di 80 milioni di euro

Sono due importanti contratti del valore complessivo di 80 milioni di euro quelli aggiudicati a Sirti da RFI, Rete Ferroviaria Italiana, per la fornitura di apparati di segnalamento per la sicurezza della circolazione dei treni e di servizi ad alto contenuto tecnologico su tutto il territorio nazionale.

Nello specifico, la prima commessa, del valore di 35 milioni di euro, prevede la fornitura delle componenti del sistema di Apparato Centrale Computerizzato Multistazione (ACCM) sviluppato dai laboratori di Ricerca e Sviluppo di Genova, recentemente rinnovati e ampliati. 
La seconda, di circa 45 milioni di euro, prevede la fornitura dei servizi ad alto contenuto tecnologico quali assistenza tecnica, manutenzione degli apparati tecnologici presenti sulla rete ferroviaria nazionale, oltre a lavori di installazione, upgrade e riconfigurazione di impianti.

Si conferma, così, il ruolo di Sirti quale player di riferimento nel settore ferroviario per la realizzazione di servizi tecnologici di ultima generazione.